LA SPARTIZIONE

OVVERO VENGA A PRENDERE UN CAFFE' DA NOI

 

di Piero Chiara

Adattamento e regia MARCO FILATORI

progetto teatrale LAURA NEGRETTI

musiche originali CARLO BOCCADORO

con STEFANIA APUZZO, ALESSANDRO BAITO, MADDALENA BALSAMO, ANTONIO GRAZIOLI, FRANCO MAINO, LAURA NEGRETTI

Produzione TEATRO IN MOSTRA Como

Commedia brillante tratta dal romanzo di Piero Chiara che ha ispirato l'omonimo e famoso film di Lattuadacon Ugo Tognazzi e Milena Vukotic, “La spartizione” è l'esempio perfetto della produzione letteraria diPiero Chiara, abile narratore, maestro di ironia e leggerezza, capace di filtrare le debolezze umanetrasponendole nella dimensione del gioco, combinando il racconto con la ricostruzione, vivace e realistica,della vita quotidiana di provincia.Uno spettacolo carico di umorismo leggiadro e con punte d'assolutacomicità che la Compagnia Teatro in Mostra di Como, sta portando con grande successo nei teatri italiani e del Canton Ticino.

La commedia è ambientata all’inizio degli anni venti in un paese del nord Italia. Tre sorelle, le Signorine Tettamanzi, sono ormai vicine alla quarantina. Poco tempo dopo la morte del padre irrompe nella loro vita un uomo, Emerenziano Paronzini, funzionario statale, che, reduce della prima guerra mondiale, decide di prendere moglie. L’uomo è tutto d’un pezzo, composto, distinto, di poche parole e di nessuna confidenza. Dopo aver frequentato la casa per qualche tempo, sposa una delle tre sorelle, la maggiore, una donna senza esperienza del mondo ma piena di tutte le possibilità; illibata, di chiesa e d’ottima famiglia. Quanto al carattere…Arriva il giorno della marcia su Roma e il Paronzini abbraccia presto il manganello e indossa la camicia nera. Fatto fuori anche il possibile pretendente di una delle sorelle, il neo marito riesce a trovare un naturale equilibrio tra le sue esigenze sessuali e la disponibilità delle tre donne che tacitamente si spartiscono la sua prestanza, a turno, una notte ciascuna. Ma il buon Paronzini non si risparmia e ha un bel da fare a soddisfare le tre Tettamanzi!